BLOGMAS GIORNO 3: calendario dell’avvento al contrario

Posted by

Quest’anno abbiamo deciso di aggiungere una nuova tradizione: il calendario dell’avvento al contrario.

Quello di oggi sará un posto diverso dal solito, ammetto di essere stata molto indecisa se scriverlo o meno, ma poi ho deciso di farlo lo stesso e il perché Ve lo spiegherò alla fine del post.

Avevo già pensato di fare una cosa del genere ma poi ho letto questa idea su internet e mi è piaciuta subito.

Per quanto possiamo ritenerci sfigati e senza tante possibilità, dobbiamo sempre pensare che c’è chi sta peggio e come dicevo nel primo post di blogmas, la vera sfida del Natale è quella di riuscire ad immergersi nella sua atmosfera anche quando tutto non va come ci aspettavamo.

Si ok, Birty ma cos’è questo calendario dell’avvento al contrario?

Io e mio marito abbiamo deciso che per tutto il mese di dicembre ogni giorno sceglieremo qualcosa in buono stato che non usiamo più per donarlo appena prima di Natale a chi ha meno di noi, che sia un vestito o un giocattolo.

Beneficenza non vuol dire solo donare soldi, mandare SMS solidali, o fare le raccolte alimentari, tutte cose che per altro io non faccio, detto sinceramente non e lo posso emettere e soprattutto non mi fido, ma una cosa che faccio spesso è portare vestiti e giochi direttamente alla Caritas nel paese qui vicino. In questo modo sono sicura che le cose che dono andranno davvero a chi ne ha bisogno.

La prima volta che siamo andati con un sacco pieno di giochi che Sebastian non utilizzava più, un signore ci ha fermato fuori dalla Caritas chiedendoci se stessimo portando i giochi ai bambini e pregandoci di dargli un gioco perché aveva un bambino piccolo a casa, io e Andre non ci abbiamo pensato due volte e gli abbiamo fatto scegliere tutto quello che voleva dal sacco, mi si è stretto il cuore e mi sono anche sentita terribilmente in colpa per tutte le volte che mi sono lamentata se le cose non andavano come avrei voluto, rendendomi conto dell’enorme fortuna che abbiamo.

Noi quest’anno per variati motivi non potremmo fare grossi regali, però ci siamo già organizzati per fare anche un’altra piccola cosa, abbiamo deciso di fare un regalo di Natale ad una famiglia del nostro paese meno fortunata di noi, i nostri rapporti con questa famiglia in realtà si fermano all’educazione di salutarci ogni volta che ci vediamo, scambiare un paio di parole con i bambini, ben 4 sotto i 10 anni, però conosciamo la situazione famigliare, della quale ovviamente non entrerò nei dettagli, per questo abbiamo deciso di fare un regalo ai bambini e alla mamma per Natale.

Sono piccoli gesti che fanno tanto, fanno bene a chi li riceve ma vi assicuro che fanno ancora meglio a chi li fa.

Come ho scritto all’inizio, non sapevo se pubblicare o meno questo post, la beneficenza si fa ma non si dice, ma poi ho pensato che sarebbe stata una cosa molto bella se avessi potuto dare uno spunto un po’ diverso a chi passa di qui, lontano dal consumismo tipico di questa festa e se anche una sola persona deciderà di fare uno di questi piccoli gesti io ne sarei davvero felice e orgogliosa 💕

Elisa

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...